Stop al trasporto di trofei di animali esotici

Diretta a CEO, Delta Air Lines Richard Anderson e a(d) 4 altri

1 risposta

Stop al trasporto di trofei di animali esotici

Chris Green

Cotati, CA
330.488
Sostenitori

L’anno scorso più di mille rinoceronti sono stati affogati in Sud Africa, il numero degli elefanti è diminuito del 66 per cento in soli cinque anni, ed è decuplicata l’esportazione di leoni “trofeo” – con cacciatori che portano a casa le teste e i corpi degli animali per impagliarli e appenderli. In risposta a tali minacce, South African Airways ha decretato l’immediato divieto mondiale di trasportare qualunque tipo di trofeo di caccia fatto con rinoceronti, leoni, elefanti e tigri. Ora ho bisogno del vostro sostegno per chiedere alla Delta Air Lines di abbracciare questa politica e di rifiutare di trasportare trofei di animali esotici!

South African Airways ha chiarito che questo divieto si applica a tutti i trofei di caccia, senza eccezioni, “anche se lo spedizioniere ha un regolare permesso rilasciato dalle autorità competenti”. “Con la diminuzione – giunta quasi fino all’estinzione – della fauna selvatica, un tempo invece molto ricca”, non c’è giustificazione per l’abbattimento di animali così incredibili solo per sport o vanità.

Ma perché l’embargo della South African Airways abbia il risultato più efficace possibile nel salvare le vite degli animali, è indispensabile che il divieto di trasporto di trofei di caccia sia imposto da tutte le compagnie aeree.

Come compagnia tra le più grandi al mondo, e come unica statunitense con un servizio diretto in Sud Africa, Delta Air Lines è in una posizione chiave per aiutare a proteggere queste e altre specie vulnerabili di animali selvatici da ulteriori pressioni di caccia e bracconaggio.

Rifiutando di svolgere un ruolo nella catena del traffico della fauna selvatica, Delta Air Lines può dare prova della forte ed etica leadership che ne ha fatto una società così rispettata e di successo. Ancora più importante, Delta preserverà una preziosa risorsa naturale che rappresenta uno dei motivi principali per cui i clienti scelgono di volare con Delta per visitare l’Africa e altre destinazioni a contatto con la natura. Come viaggiatore fedele, “Medaglia di diamante” Delta, con oltre 650 mila miglia accumulate con la società, posso attestare che l’Ecoturismo rappresenta oggi il 12 per cento del Pil in alcuni paesi africani.

Come Direttore legislativo di un’organizzazione nazionale per la protezione degli animali, sono inoltre ben consapevole di come l’eccesso di caccia abbia devastato specie minacciate e in via di estinzione. La situazione è tragica ed è guidata quasi esclusivamente dal traffico illecito da 20 miliardi di dollari di parti del corpo di animali.

Allora unitevi a me nel chiedere al CEO Richard Anderson di dimostrare al mondo che Delta ci tiene e sta facendo la sua parte, rifiutando di trasportare trofei di animali esotici.

Lettera a
CEO, Delta Air Lines Richard Anderson
Delta Air Lines
President, Delta Air Lines Ed Bastian
e 2 altri
Executive VP & COO, Delta Air Lines Gil West
SVP & Chief Communications Officer, Delta Air Lines Kevin Shinkle
Please follow the lead of South African Airways and end the transport of exotic animal hunting trophies.By refusing to play a role in the wildlife trafficking supply chain, Delta Air Lines can demonstrate the strong and ethical leadership that has made it such a successful and respected company. More importantly, Delta will be preserving a valuable natural resource that provides one of the primary reasons customers choose to fly Delta to visit Africa and other wilderness destinations.

For South African Airways’ embargo to have the most effective result in saving animals’ lives, it is imperative that the hunting trophy transport ban is honored across all air carriers. Please show the world that Delta cares by doing your part and refusing to transport exotic animal hunting trophies.”

Stop al trasporto di trofei di animali esoticiultima modifica: 2015-06-21T19:26:07+02:00da modaefashion
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento