INSIEME CONTRO LE GABBIE

 Risultati immagini per ANIMALI IN GABBIA
INSIEME CONTRO LE GABBIE
Iniziativa dei cittadini europei contro le gabbie in Senato
CIWF Italia
INSIEME CONTRO LE GABBIE
vogliamo condividere con te l’emozionante giornata di martedì scorso, che ci ha visti impegnati a presentare l’Iniziativa dei cittadini europei End the Cage Age al Senato.
Il nostro direttore esecutivo Philip Lymbery, alla presenza della Presidente dell’Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali on. Michela Vittoria Brambilla e della senatrice Loredana De Petris, ha parlato della gioia di essere vivi: un sentimento che viene negato ogni anno a centinaia di milioni di animali negli allevamenti europei.
Galline, conigli, scrofe, anatre, oche, quaglie: esseri senzienti che passano la vita imprigionati senza poter razzolare, saltare, accudire i loro piccoli, aprire le ali.
È stato perciò un passo fondamentale ottenere il sostegno trasversale di tanti rappresentanti della politica, che hanno aderito alla nostra battaglia per mettere fine all’uso delle gabbie in Europa.
Ascolta le loro dichiarazioni e leggi il racconto della giornata nella nostra ultima webnews!
LEGGI DI PIÙ
L’Italia è tra i paesi con il numero più alto in Europa di animali allevati in gabbia. A maggior ragione non possiamo lasciarci sfuggire questa preziosa opportunità di abbandonare un sistema di allevamento anacronistico e crudele. Le sofferenze che patiscono gli animali in gabbia sono enormi e ingiustificabili.
Ti aspettiamo il 9 e 10 marzo in oltre 20 piazze italiane, per costruire insieme un’Italia e un’Europa senza gabbie. Vuoi sapere dove poter andare a firmare contro l’uso delle gabbie negli allevamenti europei?
SCOPRI DOVE SIAMO
Grazie per condividere con noi ogni momento di questa battaglia di civiltà.
Elena Artico
Elena Artico
Campaigner CIWF Italia
PS: Continua a sostenere le campagne in difesa degli animali. Insieme, possiamo davvero fare la differenza per milioni di loro!
INSIEME CONTRO LE GABBIEultima modifica: 2019-03-13T16:46:52+01:00da modaefashion
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento